Se lei non ti cerca: attirala con 4 tecniche magnetiche

C’è una ragazza che ti piace da impazzire, ma lei non ti cerca? Questo ti sta distruggendo il cuore, lasciandoti pieno di dubbi e domande su che cosa quella donna pensa di te?

Allora, non ti preoccupare, perché oggi ho pensato di scrivere proprio qualcosa che fa al caso tuo: cosa fare se lei non ti cerca, né ti scrive o si fa sentire.

Per un uomo, non essere cercato da una donna è molto frustrante per tre motivi:

  • Gli dà la sensazione di non essere attraente agli occhi dell’altro sesso
  • Essere ignorato danneggia la sua autostima
  • Non comprende se la ragazza non lo cerchi perché non interessata o vuole solo farsi desiderare

Per aiutarti a uscire da un vero e proprio pantano psicologico, ti spiego quattro strategie magnetiche affinché quella persona modifichi il suo comportamento e inizi a cercarti di sua iniziativa.

Prima di proseguire, devo avvisarti che, come spesso accade nelle relazioni sentimentali, non sempre è possibile adottare dei comportamenti atti a modificare l’atteggiamento di una persona verso di noi.

In questo caso, prima di poter tentare l’impresa, è necessario capire in quale situazione ti trovi nei confronti di questa ragazza. In linea di massima, gli scenari in cui una donna non cerca l’uomo sono due.

Scenario 1

Tu e lei vi conoscete da diverso tempo. Magari siete compagni di università, o colleghi di lavoro. Oppure, l’hai conosciuta in chat e ci sei uscito un paio di volte.

Lei non ti cerca mai per prima, e se c’è un contatto tra voi, è perché sei tu a prendere l’iniziativa. Ricevi sempre una risposta educata, ma difficile che tra voi ci sia una conversazione continua.
Magari hai pure tentato la mossa coraggiosa: le hai proposto di uscire, anche per un semplice caffè. Risultato:

Mi piacerebbe, ma questa settimana sono incasinatissima. Facciamo la prossima volta, ok?

Se le cose stanno così, allora te lo dico senza mezzi termini, a costo di essere brutale: scordatela e chiudi questo capitolo.

In questo caso, lei non ti cerca perché non gli interessi. Anzi, potrebbe vederti pure come una scocciatura. Qualcuno da tenere a distanza di sicurezza senza però fare la figura della persona cattiva o sgarbata.

Quindi, sii consapevole di questo e inizia a fare qualcosa che forse non hai fatto finora.

Non cercare chi non ti vuole.

Se qualcuno, chiunque sia, non ti cerca, è perché non sente la tua mancanza. E ti comunica, in modo abbastanza esplicito, che la sua vita è bella e piacevole anche senza te.

Quindi, se lei non ti cerca lasciala andare.

Scenario 2

Hai conosciuto una donna con cui ti trovi bene. Magari hai cambiato posto di lavoro, e hai trovato molta affinità con questa collega. Oppure, come succede spesso oggi, dopo aver chattato un po’ tramite un app di dating, siete usciti trascorrendo piacevoli giornate insieme.

Quando la contatti in chat o la chiami, le sue comunicazioni sono calorose, facendoti capire come sia felice di parlare con te.

Eppure, hai notato come, se tu non la cerchi, lei non si fa viva. E ciò ti lascia perplesso.

In questo caso, prima di pensare che forse non le piaci, o che sei solo un caro amico, senti cosa sto per dirti.

Al giorno d’oggi, le donne sono emancipate. In certi casi poi, lo sono ancor più degli uomini, vantando professioni più prestigiose di tanti maschi.

Eppure, su certi temi le ragazze sono molto tradizionaliste. E uno di questi è proprio il corteggiamento.

Chi fa la corte alla donna è l’uomo. E’ così da sempre, e difficilmente le cose cambieranno. E ritengo che quasi tutti i problemi degli uomini con le donne consiste proprio nel non saper condurre il gioco della seduzione.

Se quindi una ragazza ti piace e ciò ti porta a cercarla, non aspettarti il contrario: il corteggiatore sei tu, non lei.

A volte poi, molte ragazze sono timide e riservate. Per loro, cercare qualcuno equivale a disturbarlo. Ma soprattutto, temono tantissimo il rifiuto, in particolar modo da un uomo.

Lei non ti cerca? 4 potenti strategie per renderti magnetico

Se quindi ti trovi nello scenario B, hai compreso come sia inutile farsi paranoie mentali sul fatto di non essere abbastanza attraente per lei, o nutrendo continui dubbi se a quella ragazza interessi o ti prende in giro.

Anzi, facendo così, rischi di far prendere al rapporto una spiacevole direzione, cadendo in una pericolosa spirale di dipendenza affettiva e subordinazione.

Per questo, usa queste quattro potenti strategie magnetiche. Non solo ti permettono di evitare gli errori che moltissimi uomini commettono, ma anche di dare alla relazione una svolta positiva, stabilendo la necessaria simmetria affinché sbocci qualcosa di importante.

1.Non darle la certezza che ti farai vivo

In amore vince chi fugge. In realtà, sarebbe più corretto dire che la spunta chi non dà certezze all’altro.
Molte donne, consapevoli di un uomo che le corre dietro, si mettono in una confort zone da cui non intendono più uscire. Sanno che il loro spasimante non è in grado di resistere senza avere un contatto con loro, anche sporadico. Quindi, che passi un’ora, un giorno, cinque giorni, sanno che, alla fine, lui si fa vivo.

Quello che devi fare quindi, è questo: destabilizzarla, togliendole da sotto i piedi il tappeto delle sicurezze su cui si è adagiata.

Anzitutto, inizia a essere più sporadico nei contatti. E poi, imponiti il silenzio stampa. Anche per giorni e giorni.

Come resistere alla tentazione di contattarla?

Coltiva i tuoi hobby. Esci con gli amici, vai al cinema, leggi libri. Fai qualsiasi cosa che impegni la tua mente, in modo da distogliere i tuoi pensieri.

Se lei ci tiene e aspetta con ansia il tuo contatto, alla fine è costretta a fare il primo passo. Uscendo così da quella confort zone in cui si era rifugiata.

2.Rendi la tua comunicazione accattivante

Sedurre è comunicare. Per questo, se vuoi fare breccia nel cuore di qualcuna, devi essere un buon comunicatore.

Magari sei bellissimo, con un corpo da modello. Ma se le tue conversazioni si riducono a un “Ciao, come stai? Che fai sabato?” senza nessun contenuto degno di nota, una donna avrà sempre meno motivazioni a sentirsi con te.

Quindi, lavora sulla qualità della comunicazione.

Un’ottima strategia riguarda del parlare delle cose che piacciono a lei. Questa è una potente leva di persuasione chiamata principio di simpatia: alle persone piacciono quelli simili a loro.

Quindi, se trovi argomenti per lei ritenuti interessanti, parlane, cercando nello stesso tempo di toccare ambiti profondi e personali. Non solo la ragazza in questione si sente appagata nel conversare con te, ma comprende di aver trovato qualcuno con cui condividere i propri interessi. E soprattutto, di capirla.

E se non ti fai sentire, prima o poi lei sente il bisogno di parlare con qualcuno delle cose che ama. E da chi andrà, secondo te?

Evita gli inviti diretti

Altro metodo per renderti più magnetico nei suoi confronti, è quello di evitare gli inviti diretti. Questo è un errore fatto da molti uomini, pensando che fare ‘all-in’ equivalga alla vittoria sicura. Salvo rimanere con un pugno di mosche in mano.

Invitare a cena fuori una donna che vuoi conquistare, non solo non ti aiuta, ma può danneggiare il percorso di conquista per tre motivi:

  • Si tratta di un approccio diretto per quanto galante
  • Dimostri di non essere diverso da tutti gli altri uomini
  • Ti espone a un rifiuto netto

Invece, puoi renderti più attraente ai suoi occhi fornendole in modo indiretto degli agganci, o magneti.

Sai che le piace il teatro? Su WhatsApp mandale un link di uno spettacolo che hai visto, consigliandole di vederlo.

Oppure, quando chiacchierate, parla di quella escursione di trekking che farai con il tuo gruppo la prossima domenica.

Giocate entrambi a padel? Sfidala in una partita!

Se lei ama fare questo genere di cose, le fornisci un aggancio che lei per prima può usare per avvicinarsi di più a te, senza esporsi troppo.

Una volta condivise quelle esperienze che cementano la relazione, allora puoi pure tentare un approccio più diretto con una bella cena fuori.

Usa l’ironia

Molti commettono lo sbaglio di impermalosirsi di fronte all’atteggiamento sfuggente di una ragazza.
In realtà, far notare a una donna che si fa troppo desiderare non è di per sé sbagliato. Bisogna però farlo nel modo giusto.

Frasi tipo “Non ti fai mai sentire mai!“, “Ti devo cercare sempre io?“, “Sei una che se la tira un sacco!” vengono percepite quasi sempre come critiche alla propria persona. Questo porta la donna a risvegliare le sentinelle psicologiche a difesa del proprio Io, iniziando a vederti come una persona negativa. Oltre che a farti apparire come un mendicante dell’attenzione.

Se vuoi lanciare una frecciatina a lei, usa l’ironia. Non solo perché gli uomini ironici sono sempre apprezzati, ma anche per una ragione scientifica.

La frase ironica, infatti, viene percepita come innocua, e quindi aggira le difese psicologiche della ragazza.

Quindi, usa battute ironiche e sottili. Un esempio?

  • Se qualche volta mi dai il buongiorno, non ti arresta nessuno, tranquilla.
  • L’altra sera guardavo “Chi l’ha visto”, e pensavo che parlassero anche di te!
  • Sei sicura di ricordarti ancora di me?

Con queste battute leggere ma sottili, le mandi un segnale preciso senza indisporla. E se lei è interessata, inferisce da sola come, d’ora in avanti, deve cercare di metterci nel suo nella relazione.

Se lei continua a non cercarti, puoi contattarmi e vedere se stai sbagliando qualcosa nel gestire la relazione.

Ricomincia dall’Amore 🙂
Domenico Iapello (Love Coach)

Scopri il Metodo Ricomincio dall'Amore

Accedi al corso gratuito di Domenico Iapello & Marilena Moreira per Ricominciare dall’Amore. Per te 1 lezione al giorno per 6 giorni con un metodo efficace che ti permetterà di riabbracciare chi ami.

Domenico Iapello - Love Coach
Domenico Iapello - Love Coach

Mi chiamo Domenico Iapello e ti do il benvenuto nel mio mondo! Sono un Love e Life Coach specializzato in PNL e aiuto uomini e donne a vivere relazioni meravigliose. Puoi seguirmi su INSTAGRAM e iscriverti al mio canale YOUTUBE per avere tanti contenuti gratuiti sul miglioramento personale e relazionale.

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy